Vero Valore Offerto

Il Vero Valore Offerto non è la Unique Selling Proposition.

Ieri ho parlato a lungo con una persona, esperto professionista che non fa marketing, non lo conosce, sa di essere bravo in altri ambiti. Ha un’idea imprenditoriale che potrebbe funzionare. Abbiamo parlato a lungo di una possibile strategia di marketing per il suo progetto.

Lui parlava di prodotto, io di clienti, di persone.

Lui parlava di canali in cui voleva vendere il prodotto, io di canali per permettere alle persone di conoscerci, valutarci e sceglierci.

Lui parlava di Unique Selling Proposition, io di Vero Valore Offerto.

Qual è la differenza?

La USP è un unico argomento di vendita che risolve un problema, il Vero Valore Offerto è la rivoluzione mentale per avere successo, che il tuo cliente ti riconosce come tuo e solo tuo, è quello che ti permette di passare da una guerra sui prezzi all’autenticità.

E sempre, sempre parte dalle persone. Le persone sono uno dei pilastri del Business Design Marketing, una strategia rivoluzionaria perché permette di creare prodotti che il consumatore vuole veramente.

Non quello che noi vogliamo vendere, ma quello che lui vuole acquistare.

Il Vero Valore Offerto viene estratto nella terza fase del Core Process Marketing. Estratto? Sì, non è costruito a tavolino, se c’è c’è, se non non c’è. E quando c’è ti permette di brillare.

The following two tabs change content below.
Elena Tavelli

Elena Tavelli

Senior Product Marketer | Formatore | Lean Strategy | Brand arketipal | Ostinatamente Marketer